Daily Archives: Giugno 16, 2021

IO “bloccata” dal Garante privacy.

App IO “bloccata” dal Garante privacy causa tracker, “Ecco perché l’abbiamo fatto”Intervento di Guido Scorza, componente del Garante per la protezione dei dati personali(Agenda Digitale, 10 giugno 2021) Com’è noto, con un provvedimento l’Autorità Garante Privacy ha chiesto PagoPA, società pubblica che gestisce l’app IO, di bloccare provvisoriamente alcuni trattamenti di dati effettuati con quest’app che prevedono -tramite un tracker – l’interazione con i servizi di Google e Mixpanel*. Qual è il problema privacy dell’app IO Finché non si risolve questa criticità, abbiamo semplicemente rinviato ogni valutazione circa la possibilità di rendere disponibile il greenpass anche attraverso IO. Se, come ci auguriamo, queste criticità – che sono importanti lato privacy […]

Privacy dipendenti, violazione con sanzione duplice: penale ed amministrativa.

 Redazione PMI.It – scritto il 14 Giugno 2021 Privacy dipendenti, violazione con sanzione duplice di Redazione PMI.It scritto il 14 Giugno 2021 Il trattamento non legittimo dei dati dei dipendenti può far scattare non solo un reato con sanzione penale ma anche una ulteriore sanzione amministrativa. Ancora una volta il Garante Privacy è intervenuto a sanzionare imprese che non hanno correttamente gestito ed utilizzato i dati dei propri dipendenti. La rilevanza dell’intervento non va tanto individuata nell’azione posta in essere dal Nucleo privacy della Guardia di Finanza, né tanto meno nella sanzione irrogata all’azienda, quanto piuttosto alla considerazione che, ancora oggi, non si tenga in debito conto l’essenziale connessione tra gli aspetti del controllo dei dipendenti da una parte, e […]

La app “IO” della Pubblica Amministrazione spedisce i tuoi dati personali all’estero

Il punto di vista – Sabato, 12 Giugno 2021 12:43 Era stata definita come la “applicazione mobile gratuita italiana, realizzata dal Dipartimento per la trasformazione digitale, in collaborazione con PagoPA S.p.A. e diversi volontari che hanno collaborato allo sviluppo, con l’obiettivo di rendere i servizi delle pubbliche amministrazioni accessibili ai cittadini su un’unica piattaforma”. Oggi si scopre che la app “IO” spedisce i dati degli utenti a diverse piattaforme straniere (Google, Mixpanel e Instabug) alla faccia della privacy e soprattutto approfittando del naturale rapporto di fiducia che lega il buon cittadino alle iniziative che portano il cappello dello Stato. Non lo dice un irriducibile brontolone come chi scrive questa manciata […]